CON L’ACQUA LEGGERA FACCIO… I GHIACCIOLI PRO-DIETA!
18 Agosto 2021
FARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA NON È ESSERE GREEN
7 Ottobre 2021

È UFFICIALE: SIAMO A RISCHIO ESTINZIONE

L’uomo si crede spesso immortale, eterno. Non pensiamo mai che, prima o poi, anche noi potremmo non esserci più. Guerre, violenza, prevaricazione e supremazia verso i nostri simili e non solo. Da quando siamo comparsi sulla Terra l’abbiamo calpestata, depredata e non abbiamo di certo avuto cura di lei.

Ci sentiamo essere superiori, dotati di intelligenza e razionalità che crediamo le altre specie non abbiano. Eppure in natura non esistono armi, plastica, inquinamento. In natura tutto si trasforma e ritorna alla Terra. Un seme cade e rinasce a nuova vita. La pioggia scende e poi l’acqua torna al cielo sottoforma di vapore, per poi ricadere al suolo. Noi siamo stati capaci di fare quello che in natura avviene in molto più tempo: estinguere specie animali e vegetali.

A quanto pare non siamo, però, così forti. E si sa che a volte il male fatto ritorna. Un virus minuscolo è capace di sterminare parecchi di noi, di limitarci nella libertà e nelle nostre vite. Con il progresso sono nate malattie che prima non c’erano e con l’inquinamento pure. La Terra diventerà sempre più calda e se non corriamo ai ripari nel 2090 la razza umana si estinguerà.

Se non vengono rispettati i patti dell’Accordo di Parigi, tra 70 anni la temperatura globale aumenterà di 4-5 gradi. Questo significa che il Pianeta Blu diventerà invivibile e l’umanità rischierà l’estinzione di massa. Infatti si stima che a causa del surriscaldamento globale 420 milioni di persone in più sulla Terra dovranno affrontare ondate di caldo estremo, circa 350 milioni di persone in più che vivono nelle aree urbane saranno esposte alla scarsità d’acqua a causa di gravi siccità e fino a 80 milioni di persone in più nel mondo rispetto ad oggi soffriranno la fame. Tutto questo potrebbe arrivare anche prima del 2090.

C’è chi si sente tranquillo perché sa che i viaggi verso gli altri pianeti sono già possibili. Forse però, prima di trasferirsi nello spazio, dovremmo studiare tecnologie che abbassino la CO2 e che ripuliscano il nostro pianeta imparando anche a rispettarlo di più e acquisendo nuove abitudini. Se non cambiamo i nostri stili di vita, oltre alla Terra, l’uomo riuscirà a rovinare anche l’intero universo. La cosa che sappiamo fare meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *