Perché passare all’acqua di casa é l’unico buon proposito per il 2018!
29 dicembre 2017
Bevi dal rubinetto! Te lo dice anche l’Unione Europea.
7 febbraio 2018

Quando le bollette aumentano tratta bene l’acqua di casa.

A inizio anno l’aumento delle bollette è sistematico. Luce, gas e acqua diventano parole pesanti. Non c’è scampo, qualsiasi azione che compiamo nell’arco della giornata influisce sul bilancio familiare. C’è un modo per risparmiare sulle spese domestiche: trattare bene l’acqua di casa.

Quasi 400 euro risparmiati se usiamo l’acqua del rubinetto. Pensate a come sarebbe la vostra vita domestica senz’acqua. Da quando apriamo gli occhi al mattino fino al momenti del sonno, questo elemento ci accompagna. Tutto quello che facciamo ha bisogno d’acqua. È talmente fondamentale che non ci accontentiamo di quella libera e disponibile del rubinetto ma ne compriamo anche in bottiglia. La spesa media per questo acquisto si aggira intorno ai 400 euro a famiglia all’anno. Soldi che potrebbero essere spesi per altre cose se usassimo solo l’acqua di casa. Ogni territorio presenta acque diverse. Capita quindi di non fidarsi dell’acqua che esce dal rubinetto. La corsa al supermercato è presto fatta. Carrelli pieni di bottiglie da “stoccare” in casa e da smaltire. Eppure esistono dei metodi per non dover più comprare l’acqua e risparmiare soldi.

Dal rubinetto solo acqua “green”. Ogni volta che stappiamo una bottiglia di plastica, per quest’azione abbiamo aumentato il consumo di benzina, acqua ed elettricità. Eh sì, perché nella lavorazione del PET, nel trasporto e nell’acquisto queste componenti essenziali. Inoltre per averla sulle nostre tavole avremmo come minimo utilizzato carburante. Scegliendo dei prodotti specifici per il trattamento dell’acqua potremmo risparmiare soldi, tempo e fatica. Ad esempio Zero, Uno e il Kit di Profine® sono sistemi che oltre a rendere l’acqua più buona non utilizzano l’elettricità per funzionare. Così oltre al risparmio nell’acquisto dell’acqua il loro uso non influisce nella bolletta elettrica.

Un ulteriore risparmio agendo sull’acqua di tutta la casa. Non è solo l’acqua da bere a gravare sulle spese domestiche e sulle bollette. Molto spesso un’acqua ricca di calcare e quindi dura incide sulla durata di elettrodomestici, spesa di detersivi e consumo energetico. Per risparmiare basta  dotarsi di un addolcitore. Un sistema da installare all’ingresso della rete idrica domestica che riduce la durezza dell’acqua. Ad esempio AMBROGIO di Profine®. Di ultima generazione,  ha dimensioni ridotte, con un sistema di intelligence che permette di risparmiare acqua e sale calcolando automaticamente i consumi della casa.

Agire sull’acqua di casa è quindi il primo passo per fare economia domestica. Mi raccomando trattatela bene!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *