PFAS: nuovi limiti in Veneto. Potabilità a rischio.
26 settembre 2017
Pfas e venditori porta a porta: ecco come tutelarsi
10 novembre 2017

Io le verdure le risciacquo!

In fatto di cucina ognuno ha le sue abitudini. Da quanto sale aggiungere all’acqua della pasta, a che condimento utilizzare, a come pulire le verdure. Tutti quando cuciniamo abbiamo un denominatore comune: l’igiene! Lavare bene frutta e verdura, soprattutto se non biologica è uno dei capisaldi da tenere in considerazione. Nel lavaggio c’è chi dà una sciacquata veloce sotto il rubinetto, chi strofina a fondo, chi lascia in ammollo per qualche minuto con o senza bicarbonato. Qualcuno per “disinfettare” usa del sale. Quasi nessuno pensa all’acqua. Questo elemento ha la sua importanza.

L’acqua del rubinetto è un ottimo detergente. Sulla superficie di frutta e verdura si trova un po’ di tutto. Batteri, residui di terra e pesticidi. L’acqua potabile è un ottimo detergente perché il cloro che è contenuto in essa elimina gli ospiti indesiderati. Infatti agisce sulla superficie della frutta e della verdura e toglie la “patina”. Questo è molto visibile in prodotti come i pomodori. Se mettete in una boule trasparente dei pomodori immersi nell’acqua clorata vedremo che a poco a poco l’acqua si colora di giallo. Segno che il cloro ha svolto la sua azione disinfettante. Gli ospiti indesiderati se ne sono andati. Ora però sulle nostre primizie sono presenti tracce di cloro. La soluzione è risciacquarle con un’acqua diversa.

Affinare l’acqua toglie il cloro. Per togliere le tracce di cloro dalle primizie appena lavate, basta risciacquarle con un’acqua priva di questo elemento. Non serve utilizzare quella confezionata per farlo. Basta affinare quella di casa. In commercio ci sono prodotti studiati e certificati per migliorare l’acqua del rubinetto e tolgono il cloro. Ad esempio, Zero di Profine, è molto efficace nella rimozione del cloro e degli inquinanti. Inoltre è privo di corrente elettrica, compatto e bello da vedere grazie al design di Odo Fioravanti. Le verdure risciacquate con l’acqua leggera di Zero non avranno tracce di cloro. Anche se molto diluito il cloro non fa bene al nostro organismo. Se semplicemente lasciando in ammollo dei pomodori il cloro è in grado di togliere componenti chimici resistenti chissà cosa può fare ingerendolo giorno dopo giorno.

Per avere verdure pulitissime quindi lavatele prima in acqua del rubinetto e poi sciacquatele in una priva di cloro. Per saperne di più guardate il video che segue.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *