SCIOPERO PER IL CLIMA. Ma questa Greta chi è?
15 Marzo 2019

Chi conta le pecorelle chi le bottiglie di plastica

Il 22 marzo è la Giornata Mondiale dell’acqua e mai come in questi tempi è importante celebrare il valore di questa risorsa.

L’obiettivo della giornata è attirare l’opinione pubblica sul nemico principale dell’acqua, ovvero la plastica.

Rendersi conto di quanto pesa sull’ambiente è il primo passo per cambiare… il secondo passo ve lo spieghiamo qui.

Nella Giornata Mondiale dell’Acqua il produttore italiano tw: Profine® ha voluto contare una a una le bottiglie risparmiate grazie a chi sceglie di filtrare la propria acqua di casa. Parte un counter che stima precisamente la quantità di bottiglie di plastica da 1,5 litri che non vedremo mai nei nostri mari né tra i nostri rifiuti. Perché visualizzare in cifre il numero di bottiglie risparmiate possa spronare tutti a passare all’acqua di casa. La dimostrazione che anche solo un piccolo gesto se fatto da tutti può fare grandi cose!

Ma perché è così importante passare all’acqua di casa? Perché la nostra quotidiana plastica è così nociva? In risposta 3 studi internazionali sull’impatto della plastica nell’ambiente. Il primo abstract che approfondisce il volume di tale inquinamento, passando per gli effetti su di noi e sul nostro ecosistema.

Sono milioni di tonnellate i rifiuti di plastica che dalla terra arrivano all’oceano
-Riflessione sulla Giornata Mondiale dell’acqua

“I detriti di plastica nell’ambiente marino sono ampiamente documentati, ma la quantità di plastica che entra nell’oceano dai rifiuti prodotti a terra è sconosciuta. Collegando dati mondiali su rifiuti solidi, densità di popolazione e stato economico, abbiamo stimato la massa di rifiuti plastici terrestri che entrano nell’oceano. Calcoliamo che su 275 milioni di tonnellate (MT) di rifiuti di plastica che sono stati generati in 192 paesi costieri nel 2010, sono tra i 4,8 ai 12,7 milioni di tonnellate quelle che entrano nell’oceano. Le dimensioni della popolazione e la qualità dei sistemi di gestione dei rifiuti determinano in larga misura quali paesi contribuiscono alla maggior parte dei rifiuti che diventano detriti marini di plastica. Senza miglioramenti delle infrastrutture di gestione dei rifiuti, si prevede che la quantità cumulativa di rifiuti di plastica pronti a entrare nell’oceano dalla terra aumenterà di un ordine di grandezza entro il 2025”.

Science Journal

 

Inquinamento tossico dai rifiuti di plastica
-Riflessione sulla Giornata Mondiale dell’acqua

“L’incenerimento di rifiuti di plastica in un campo aperto è una delle principali fonti di inquinamento atmosferico. Nella maggior parte dei casi, i rifiuti solidi urbani contenenti circa il 12% di plastica vengono bruciati, rilasciando nell’atmosfera gas tossici come diossine, furani, mercurio e policlorobifenili. Inoltre, la combustione di cloruro di polivinile libera gli alogeni pericolosi e inquina l’aria, il cui impatto è il cambiamento climatico. Le sostanze tossiche così rilasciate rappresentano una minaccia per la vegetazione, la salute umana e animale e l’ambiente nel suo complesso. Il polistirene è dannoso per il sistema nervoso centrale. I composti bromurati pericolosi agiscono come cancerogeni e mutageni. Le diossine si depositano sulle colture e nei nostri corsi d’acqua dove finiscono per entrare nel nostro cibo e quindi nel sistema corporeo. Queste diossine sono gli inquinanti organici persistenti letali (POP) e il suo peggiore componente, 2,3,7,8 tetraclorodibenzo-p-diossina (TCDD), comunemente noto come agentearancio, è un composto tossico che causa cancro e danni neurologici, sconvolge la tiroide riproduttiva e sistemi respiratori. Pertanto, la combustione di rifiuti plastici aumenta il rischio di malattie cardiache, aggrava i disturbi respiratori come l’asma e l’enfisema e causa eruzioni cutanee, nausea o mal di testa e danneggia il sistema nervoso. Quindi, un passo sostenibile verso l’ambiente più pulito e più sano di domani richiede l’attenzione immediata degli ambientalisti e degli scienziati”.

University of Agricultural Sciences, Bangalore, India

La presenza di particelle di plastica di acqua dolce lungo le spiagge del Lago Huron, in Canada
-Riflessione sulla Giornata Mondiale dell’acqua

“La resistività dei rifiuti di plastica agli agenti atmosferici chimici, all’erosione meccanica e al degrado biologico rappresenta una minaccia ambientale critica. I detriti di plastica sono aumentati in abbondanza nel corso degli ultimi decenni lungo le coste e in mare, dove gli organismi scambiano le piccole particelle di plastica come potenziale approvvigionamento di cibo. Questi  hanno dimostrato di assorbire inquinanti organici persistenti come i PCB, che possono mettere in pericolo l’organismo e diventare più ingerito nella catena alimentare. […] Nel condurre indagini sul campo lungo il litorale del lago Huron, in Canada, siamo stati in grado di accertare che il numero totale di plastica su più località di campionamento comprende il 94% di detriti. La maggior parte della plastica è stata trovata in prossimità di un settore industriale lungo il margine sud-orientale del lago e la loro abbondanza è costantemente diminuita verso nord, seguendo i modelli correnti del lago. Le analisi di laboratorio che utilizzano la spettroscopia a infrarossi a trasformata di Fourier (FTIR) e la microscopia elettronica a scansione indicano predominanti trame meccaniche di abrasione, comprese scanalature, calibri, buche e scaglie e meno comuni caratteristiche chimiche di resistenza agli agenti atmosferici quali fratture lineari e crescenti sviluppate dal restringimento durante esposizione subaerea. Il tipo predominante di plastica, il polietilene, sembra essere molto più resistente agli agenti atmosferici chimici rispetto al polipropilene, come indicato dai picchi di ossidazione sugli spettri FTIR che suggeriscono che il polipropilene si degrada più facilmente in condizioni naturali sulle spiagge di acqua dolce”.

Department of Earth SciencesUniversity of Western Ontario London Canada

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *