Nelle regole del tè fate attenzione all’acqua!
8 marzo 2017
Giornata internazionale dell’acqua 2017: torniamo alla natura, scegliamo la nostra acqua di casa
22 marzo 2017

Lotta all’acqua avvelenata con il kit anti PFAS

Le cronache degli ultimi tempi ci hanno abituato a conoscere i PFAS. Le pagine dei quotidiani e molti programmi televisivi tra cui LE IENE, continuano a parlarne. Chi vive in zone tra Padova, Vicenza e Verona, purtroppo sa della loro esistenza anche dalle analisi del sangue. Infatti in queste zone le falde acquifere sono contaminate. Bere l’acqua in bottiglia diventa quasi obbligatorio. Ma se bere direttamente dal rubinetto era non solo un’abitudine green ma anche un piacere, perché smettere? E cosa succede quando mi lavo di denti o sciacquo la verdura? In commercio esiste un solo kit che rimuove i pfas dall’acqua ed è di Profine®.

Io Pfas non ne voglio. Diabete, malattie della tiroide, cancro al rene e testicoli, gestosi e pre-eclampsia. L’inquinamento dell’acqua mette a rischio la salute di troppe famiglie venete e crea preoccupazione per i nuovi nati. A pagarne le conseguenze chi è già contaminato e chi lo sarà.  Migliaia di cittadini nel loro sangue presentano concentrazioni di Pfas. Se è solo nel 2013 che il Ministero dell’Ambiente ha mostrato la presenza di PFC (tra cui i PFAS) nelle acque superficiali e potabili, l’inquinamento dura da 40 anni. Un’intera popolazione è in allarme!

Casa mia è anti-Pfas. Di fronte a emergenze come questa contaminazione, si tende a mettere in allarme le famiglie. Sono ormai noti a tutti i danni che alte concertazioni di PFAS possono provocare. Elenchi di malattie vengono elargiti dai media. Chi legge o ascolta tutto questo e ha la sfortuna di vivere nelle zone colpite, non sa che cosa accadrà alla sua famiglia. Tutto viene collegato all’inquinamento. Si crea così uno stato di allarme che può diventare terreno fertile per chi voglia approfittarsi della situazione.

Attenti alle truffe. Sono in queste occasioni che possono esserci dei truffatori in agguato. Gente pronta a vedervi la soluzione giusta proponendo prodotti poco efficaci. Essere preparati e affidarsi ad aziende serie è quindi indispensabile. Ci sono in Italia imprese che vantano anni di esperienza e certificate. Sempre pronte a darvi la soluzione corretta e di garantire un’assistenza continua.

Kit anti-Pfas. Per eliminare i Pfas dal rubinetto di casa è sufficiente utilizzare un kit anti-Pfas prodotto dall’azienda veneta Profine®. Si tratta di due filtri che lavorano in serie e rimuovono odori, sapori indesiderati e i composti Perfluoroalchilici. Inoltre ha una filtrazione a 0,5 microgrammi con tecnologia Carbon Block Profine® Silver che garantisce la massima sicurezza per chi beve l’acqua o la usa per scopi alimentari. Il kit permette di intercettare questi specifici inquinanti dall’acqua, i Pfas, dando così un’acqua sicura da bere. Non serve rinunciate quindi all’acqua del rubinetto, basta invece scegliere prodotti seri e affidabili per salvaguardare la propria salute.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *